NO
PROVO

PERCHÉ VOTO NO AL REFERENDUM SULL’ATAC

Ieri ho provato a spiegare perché la liberalizzazione del trasporto pubblico è un inganno e diversi amici hanno risposto: va bene, ma non hai spiegato perché voti NO al referendum sull’ATAC.

Mi fa molto piacere aver stimolato questa curiosità e ne approfitto per illustrare meglio, utilizzando tre argomenti diversi. Mi limito a commentare il primo quesito proposto per il referendum.

Illustraciones Logica

INSIEMISTICA DI BASE

Il primo argomento è abbastanza semplice.

Per il referendum si chiede di rispondere con un SI o con un NO. Le ragioni del SI non mi convincono affatto, anche quando vengono presentate da un punto di osservazione che apprezzo moltissimo, quello di Walter Tocci. Se il SI non va bene, non rimangono molte alternative.

Illustraciones logica

ETICA

Il secondo argomento è leggermente più complesso e vale la pena partire dalla lettura del quesito proposto per il referendum.

“Volete voi che Roma Capitale affidi tutti i servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e rotaia mediante gare pubbliche, anche ad una pluralità di gestori e garantendo forme di concorrenza comparativa, nel rispetto della disciplina vigente e tutela della salvaguardia e della ricollocazione dei lavoratori nella fase di ristrutturazione del servizio?”

La parola chiave è “tutti”.

Infatti, Roma Capitale può già affidare i servizi relativi al trasporto pubblico locale mediante gare pubbliche. Lo ha già fatto in passato, lo fa nel presente e presumibilmente continuerà a farlo nel futuro, con esiti variabili.

Con il referendum si chiede che Roma Capitale affidi tutti i servizi tramite gara, cosa che può accadere fin da subito, giacché non esiste una norma che limiti il ricorso a questi strumenti e non si chiede di abrogare questa norma.

Perché i promotori del referendum chiedono che siano messi a gara tutti i servizi?

A questa domanda si può rispondere leggendo le motivazioni del comitato promotore: “Le gare stimolano le imprese a comportarsi in modo virtuoso”.

Il referendum, cioè, è motivato dallo stereotipo ormai liso della concorrenza generatrice di virtù. Di conseguenza, una gestione che non affidasse tutti i servizi tramite gara sarebbe necessariamente e inevitabilmente immorale.

Io non aderisco a questa visione del mondo e non ripongo alcuna fiducia nel potere salvifico della concorrenza. Men che meno in ambiti in cui l’intensità di capitale necessaria per operare è superiore alle capacità della piccola impresa.

Illustraciones logica

L’etica civile scaturisce dalla buona amministrazione della cosa pubblica, non nasce spontaneamente nei campi elisi dalla concorrenza. In ambito urbano poi, la gestione del trasporto collettivo è la chiave di lettura principale dell’identità cittadina. Il fatto che l’identità di Roma su questo fronte sia compromessa, non è un buon motivo per polverizzarla. Al contrario.

Non attribuisco alcuna facoltà taumaturgica alla concorrenza. Al contrario, la considero un motore di arretramento sociale, di compressione dei diritti, una fonte di inefficienza e dissipazione di risorse civiche e sociali. Per cui la mia risposta al quesito è NO.

Illustraciones logica

VISIONI

La sostenibilità finanziaria, cioè la definizione dei costi, delle rendite e del modo più efficace di reinvestirle, è la fondamentale premessa per la definizione della natura del servizio di trasporto pubblico. Ma non è l’unico parametro di valutazione.

Ammesso che esista un metodo (per esempio le gare) in grado di definire meglio di altri i costi, le rendite, e gli altri aspetti di specie, ci chiediamo: qual’è l’obiettivo del sistema di trasporto pubblico?

In una città di estensione enorme come Roma il trasporto collettivo permette ai cittadini di utilizzare la città, di viverla. Cioè, il sistema di trasporto pubblico ha la stessa funzione dell’arredo urbano. Senza il trasporto pubblico è l’idea stessa di città a venire meno.

Il modello di riferimento ideale è dunque uno in cui il sistema di trasporto pubblico ha le stesse caratteristiche delle panchine, delle strade, dei parchi, dell’illuminazione nell strade: è un servizio disponbile gratuitamente alla cittadinanza, che lo sostiene finanziariamente attraverso le tasse.

In questo quadro, l’antitesi pubblico-privato che è stata artificiosamente costruita con la propaganda intorno al referendum prospettando gli effetti miracolosi della concorrenza è una pure finzione, ed è irrilevante. Come sottolinea Walter Tocci, di liberalizzazione non bisognerebbe neppure parlare.

Si dovrebbe invece, come sta facendo la sindaca di Parigi, studiare la fattibilità di un servizio pubblico gratuito, o per lo meno gratuito in alcune sue parti.

Perciò NO, non penso che il referendum proponga una visione utile allo sviluppo della città: né sul piano economico, né sul piano dello sviluppo e della sostenibilità in senso lato, né – soprattutto – sul piano sociale.

illustraciones logica

CHE FARE?

In sintesi, al quesito che mi viene posto, non ho altra risposta che NO.

Altra risposta avrebbe avuto il seguente quesito:

“Volete voi che Roma Capitale affidi ad una autorità centrale il controllo di tutte le funzioni connesse con il funzionamento del servizio di trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e rotaia attenendosi ai principi di la sostenibilità finanziaria e ambientale, nel rispetto della disciplina vigente e tutela della salvaguardia della salute pubblica e della ricollocazione dei lavoratori nella fase di ristrutturazione del servizio?”

In questo caso non ho dubbi che avrei invitato tutti a rispondere sì, lo vogliamo.

 


Illustrazioni di Monfa Cabrera

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.